Tu sei qui: Home / INAUGURATO A PEDRENGO NEL GIARDINO DELLE SCUOLE “IL TERZO PARADISO” IN AVVIO DELL’ANNO SCOLASTICO 2020-2021

INAUGURATO A PEDRENGO NEL GIARDINO DELLE SCUOLE “IL TERZO PARADISO” IN AVVIO DELL’ANNO SCOLASTICO 2020-2021

 

Nella mattinata odierna si è tenuta l'inaugurazione dell'anno scolastico per le scuole di Pedrengo in concomintanza con la consegna ufficiale de “IL TERZO PARADISO”.

Alla presenza della dirigenza scolastica e dell’Amministrazione comunale, del CCRR (Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze), dell’ambasciatrice di Cittadellarte di Biella, degli operatori dell’Associazione Sotto al(t)ra quota, di genitori membri del Consiglio d'istituto e del Comitato genitori,  di alcuni bambini della scuola primaria, di una rappresentanza di docenti e collaboratori scolastici, del parroco di Pedrengo e dei presidenti della Provincia di Bergamo e dell’Ambito dei comuni con sede a Seriate, dell’ex sindaco del comune si è svolta una semplice quanto sentita manifestazione.

Il valore profetico dell’opera inaugurata oggi e pensata dai ragazzi per i ragazzi sostanzia il lavoro di questi ultimi anni sui temi dell’Educazione civica e della Sostenibilità e conferma lo sguardo di orizzonte aperto che le nostre scuole vogliono avere sul futuro e sulla crescita delle nuove generazione.

 

 

DISCORSO D’INAUGURAZIONE DEL TERZO PARADISO

DA PARTE DEL CCRR DI PEDRENGO

 

Buongiorno a tutti e grazie per essere qui oggi; sono Greta e in qualità di sindaco parlo a nome di tutto il Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze di Pedrengo.

Quella di oggi è per noi una giornata speciale perché rappresenta la realizzazione di un progetto a cui stiamo lavorando con impegno e dedizione da ben due anni, a cui abbiamo dedicato il nostro tempo e che ci ha anche aiutato a conoscerci meglio ed a imparare due dei valori fondamentali che stanno alla base della società: la collaborazione e l’ascolto reciproco.

Appartenere al CCRR non vuol dire solo essere uno dei tanti rappresentanti di classe, ma significa far parte di un gruppo di persone con ideali comuni che vogliono contribuire al benessere dell’intera comunità scolastica.

Due anni fa, insieme a consiglieri che oggi sono al secondo o, come me, al primo anno di scuola superiore, abbiamo cominciato a pensare e a confrontarci riguardo ad un progetto che avrebbe potuto rappresentare simbolicamente l'unione fra la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado, un'opera d'arte non solo ornamentale ma che potesse essere vissuta dalla comunità, che potesse essere utile ed unire le persone. Allora vedevamo lontano e remoto questo progetto ma adesso ci riempie di gioia vederlo finalmente concreto e realizzato.

Guidati dalle nostre formatrici e con a fianco la prof.ssa Renis, abbiamo scoperto la figura di Michelangelo Pistoletto e il simbolo del Terzo Paradiso, da lui creato nel 2003. Abbiamo scoperto che l'arte può essere uno strumento di unione e di pensiero in grado di ispirare atteggiamenti di solidarietà e nuove idee. Lo abbiamo sperimentato... Siamo arrivati, infatti, al nostro Terzo Paradiso attraverso idee che sono state valutate e poi, votando, accolte, promosse o bocciate.

Il Terzo Paradiso è un nuovo spazio che abbiamo creato con tanto impegno, passione e curiosità, non solo come punto di incontro, ma anche un punto di unione tra diverse realtà.

Speriamo che la sua realizzazione possa garantire ai ragazzi ore di lezione all’aria aperta e possa far apprezzare il contatto con la Natura e la Bellezza del mondo che ci circonda.

Nel grembo centrale del nostro Terzo Paradiso abbiamo voluto creare un luogo tranquillo ed accogliente, all’ombra, dove potersi sedere ed ascoltare, dialogare, confrontarsi, al di là delle differenze. Qui ognuno di noi può sentirsi a proprio agio tra i compagni e gli amici, in una piccola comunità in cui si impara e si cresce insieme, fra un campetto rosso dove poter disegnare, scrivere, giocare e trovare libri che vengono dalla biblioteca e gli attrezzi per l'orto, che abbiamo immaginato e pensato per i bambini della scuola primaria. Due anni fa, infatti, abbiamo parlato ai bambini della scuola primaria del Terzo paradiso e abbiamo scoperto il loro desiderio di avere un orto a scuola da coltivare e così, lo scorso anno, abbiamo incontrato un volontario del paese, il signor Celeste, che ci ha accolto nel suo orto comunale e ci ha dato consigli preziosi per realizzarlo.

Conoscendo il pensiero alla base del Terzo Paradiso, abbiamo desiderato che anche il nostro fosse ecologico e rispettoso dell’ambiente e così abbiamo curato la scelta dei materiali, senza trascurare l’importanza delle dimensioni perché abbiamo deciso che dovesse essere agibile e accessibile a tutti.

È bello poter vedere oggi il Terzo Paradiso completo, un simbolo di unione per tutti e un momento di riflessione generale, un ricordo di tutto quello che abbiamo fatto in questi due anni. Per noi rappresenta davvero l’unione fra Natura e Uomo e pensiamo che sia un progetto che riuscirà ad unire non solo le due scuole, ma anche l’intera comunità che ha collaborato nella sua realizzazione e che collaborerà alla sua cura.

Il Terzo Paradiso diventerà il nostro luogo d’incontro, dove potremo scambiarci le nostre idee,      creare nuove amicizie e relazionarci con gli altri anche in questo periodo difficile.

Il nostro augurio è di poter vivere il progetto che ci siamo impegnati a realizzare per unire due scuole e la comunità coinvolgendo cittadini di tutte le età.

Speriamo e ci auguriamo di cuore che venga utilizzato con rispetto da tutti.

A tutti gli studenti va il nostro augurio che quest'anno sia un viaggio ricco di scoperte e di nuove conoscenze e possibilità.

Un sereno anno scolastico a tutti!